VALIGIA: MEGLIO RIGIDA O MORBIDA?

Non sai se comprare un trolley morbido o rigido? Sei nel posto giusto per chiarirti i dubbi. La guida che trovi in questa pagina mette a confronto tutti i pro e i contro per aiutarti a capire qual è la tipologia più adatta per te.

Ma partiamo anzitutto con una sintesi delle principali differenze:


Le rigide sono:

  • Più robuste
  • Più sicure
  • Più eleganti

Le morbide sono:

  • Più leggere
  • Più versatili
  • Più economiche

Vantaggi e svantaggi: ecco il confronto punto per punto


SOLIDITÀ: vince la rigida

La resistenza di una valigia in polipropilene o policarbonato è ineguagliabile per le borse in tessuto. Un trolley rigido è considerato la soluzione ideale per non far stropicciare i vestiti e per proteggere gli oggetti fragili, mentre una valigia semirigida subisce maggiormente urti e schiacciamenti ed è più soggetta a strappi e tagli. L’inconveniente della rigida è che a volte può graffiarsi (o lesionarsi in rari casi) se viene sbattuta con troppa violenza.

PESO: vince la morbida

Anche se le valigie rigide si stanno ormai avvicinando alla leggerezza di quelle morbide, queste ultime hanno in genere un pregio: a parità di capienza pesano meno (ovviamente non mancano le eccezioni).

SCOMPARTI: vince la morbida

Qui non c’è partita: le valigie morbide hanno tasche e scompartimenti anche sulla parte esterna: una benedizione se vuoi organizzare meglio il bagaglio e avere sempre a portata di mano oggetti utili come documenti, biglietti, libri, accessori, chiavi, soldi ecc.

FLESSIBILITÀ: vince la morbida

La deformabilità di nylon e poliestere ti consente di adattare la valigia agli spazi stretti (nel bagagliaio dell’auto o sotto il sedile in aereo, treno, pullman). Essendo materiali espandibili, hanno inoltre una capacità di riempimento superiore rispetto ai trolley rigidi.

SICUREZZA: vince la rigida

I sistemi di protezione (lucchetto a combinazione, chiusura TSA, ecc.) sono presenti su entrambi i tipi di valigie. Ma è evidente che un bagaglio morbido è più vulnerabile e più facile da manomettere. Ad esempio, con un semplice taglierino si potrebbe aprire uno squarcio e bypassare qualunque chiusura di sicurezza, mentre violare un involucro duro è più complicato.

PREZZO: vince la morbida

A parità di qualità, le valigie morbide costano mediamente meno di quelle rigide, poiché queste ultime sono realizzate con materiali e metodi di fabbricazione più evoluti dal punto di vista tecnologico.

PULIZIA: vince la rigida

Pulire l’esterno di una valigia rigida è un’operazione facile e veloce: ti basta un panno imbevuto d’acqua ed eventualmente un sapone neutro (ad eccezione di macchie particolari). Le morbide, essendo più “porose”, lasciano attecchire di più lo sporco e quindi richiedono più pazienza per essere lavate e asciugate.

INGOMBRO: vince la morbida

Ogni valigia ha un diverso livello di ingombro quando non viene usata. Che tu la metta in un armadio, cantina, soffitta o garage, occuperà ovviamente meno spazio se è morbida e si può comprimere. In realtà, anche con un trolley rigido puoi ottimizzare lo spazio, usandolo come contenitore di accessori o di altre borse più piccole.

IMPERMEABILITÀ: vince la rigida

Con un guscio duro e compatto i tuoi effetti personali saranno maggiormente al sicuro quando ti muovi sotto la pioggia o se in aeroporto si scatena un acquazzone proprio mentre all’esterno transita il carrello dei bagagli. Anche alcune valigie morbide sono repellenti all’acqua, ma non garantiscono lo stesso livello di protezione.

ELEGANZA: vince la rigida

Premesso che ognuno ha i propri gusti, il look moderno dei trolley rigidi li rende più appetibili sotto il profilo estetico. Una valigia rigida è considerata più alla moda e offre combinazioni di colori più seducenti.



Per chi non vuole perdere tempo: le magnifiche 4 su Amazon

Due morbide e due rigide: ecco le valigie con il più vantaggioso rapporto qualità/prezzo.


American Tourister Air Force One

American Tourister Air Force One

VOTO: 9

Bella dentro e fuori, con un sistema di espansione per aumentarne la capienza. Resiste bene alle sollecitazioni dei viaggi lunghi e ha la serratura TSA (utile per i controlli negli aeroporti americani). Disponibile in 4 misure e 14 colori.

Samsonite Base Boost Spinner

Samsonite Base Boost Spinner

VOTO: 9

Leggera e super maneggevole, con struttura espandibile. Ben attrezzata contro i furti grazie alla chiusura a combinazione e alla tasca esterna lucchettabile (c’è anche la funzione TSA). Look elegante. Tre misure e sei colori.

Hauptstadtkoffer Alex

Hauptstadtkoffer Alex

VOTO: 8,5

Un prodotto “made in Germany” ultra conveniente. Buona la solidità del guscio, delle ruote e delle maniglie. Grazie all’espandibilità la capienza è molto generosa e consente un’autonomia di 3 settimane. Tre misure e 19 colori!

Roncato Ironik

Roncato Ironik

VOTO: 8,5

Il marchio veneto fa centro con un trolley dal design originale e giovanile. La struttura leggera non va a scapito né della robustezza né della capienza, che è espandibile tramite un’apposita zip. Presente sia la chiusura a combinazione che la serratura TSA.


RIGIDA-MORBIDA
Qual è la più pratica in base al tipo di viaggio

Facciamo ora un confronto dal punto di vista della concreta utilità nelle situazioni reali: tipologia di viaggio, esigenze del viaggiatore, dimensione del bagaglio, mezzi di trasporto usati, ecc.

Bagaglio a mano: MORBIDA

Una valigia da portare in cabina per un breve volo non ha bisogno di essere “corazzata” perché non subisce i maltrattamenti tipici del bagaglio da stiva. Anzi, una struttura semirigida consente una sistemazione più facile negli spazi stretti della cappelliera. Anche dal punto di vista della sicurezza, non è indispensabile la protezione di un involucro duro, poiché il bagaglio non finisce in mani altrui ma durante il volo resta sempre con te.

Viaggi aerei medi o lunghi: RIGIDA

Per motivi opposti rispetto a quanto detto sopra, è preferibile un trolley rigido: sopporta molto bene lo “stress” a cui viene sottoposto nei vari scali e trasbordi (lanci sul nastro trasportatore, schiacciamenti sui carrelli, capitomboli di ogni tipo). È più sicuro contro eventuali tentativi di furto da parte degli addetti allo smistamento bagagli.

Per il trasporto di notebook o attrezzature professionali: RIGIDA

Per un computer, una macchina fotografica, una videocamera o altre apparecchiature la protezione ideale sarebbe una custodia professionale. Se questa manca, è consigliabile affidarsi alla solidità del polipropilene o policarbonato.

Per chi si muove in auto, treno, pullman: MORBIDA

Negli spazi angusti di un bagagliaio o di un portapacchi, meglio poter contare su una valigia “deformabile”, in grado di diminuire il proprio volume se sottoposta a pressione.

Spostamenti in zone piovose o innevate: RIGIDA

Se prevedi di andare incontro alla pioggia o alla neve - in base al tipo di viaggio o al periodo dell’anno (ad esempio la settimana bianca) - farai meglio a mettere gli abiti in un trolley rigido per mantenerli asciutti. La miglior difesa contro l’acqua e l’umidità è infatti una superficie dura abbinata, quando possibile, a una cerniera waterproof.

Per chi ama fare shopping: MORBIDA

Una vacanza, soprattutto all’estero, offre molte tentazioni anche in fatto di acquisti: se sei abituato a comprare vestiti o souvenir dovresti partire con una valigia in grado di “gonfiarsi” per contenere più oggetti rispetto al viaggio di andata. Per la verità, anche molti trolley rigidi di ultima generazione sono espandibili grazie a un’apposita zip. Tuttavia non possono certo eguagliare la deformabilità di un involucro in nylon o poliestere.

Per i viaggi di nozze e le crociere: RIGIDA

La luna di miele è quasi sempre un viaggio lungo, con diversi voli e trasbordi. È quindi opportuno affidarsi alla solidità delle valigie rigide, anche per proteggere gli eventuali regali appena ricevuti per il matrimonio. Stesso discorso sulle navi da crociera: un guscio duro e impermeabile rappresenta la miglior difesa per il bagaglio.

Per fare colpo con un regalo: RIGIDA

Una valigia rigida è mediamente più attraente dal punto di vista estetico, grazie ai giochi di sagomatura, a una più ampia disponibilità di colori o fantasie e all’uso di materiali innovativi e hi-tech.


Guarda anche